Life counseling, Psicologia, Riflessioni

Governare la vita

“So cosa doveri fare, ma non so come farlo”

“So cosa dovrei fare, ma ho paura di farlo”

C’è relazione, a volte identità tra queste due frasi. Perché il cervello mette le sue remore conservatrici, attiva le paure di perdita e di incertezza proprie del cambiamento, e quindi ostacola i processi di evoluzione. Questo aspetto conservativo ha però la sua ragione e spesso la sua necessità: si esprime a livello psicologico il binomio conservazione/innovazione proprio della vita e delle sue leggi di espressione ed evoluzione. Non è corretto – né fruttuoso – quindi, osteggiare e recriminare sulle nostre resistenze.

Tuttavia è necessario conoscerle, saperne l’origine e la qualità, e di conseguenza comprendere se sia più attuale e benefico lasciarle andare oppure tenerne conto. Saper distinguere la natura delle nostre paure è un conseguimento di saggezza non facile e immediato, ma necessario per procedere leggeri e sostanzialmente sereni.

relax-copiaI percorsi dedicati alla psiche sono quindi efficaci e veramente utili se tengono conto non tanto delle soluzioni quanto delle cause e delle ragioni, orientati a una conoscenza di sé che ci aiuta a fare amicizia con ogni prodotto della nostra psiche. Le soluzioni veramente efficaci ne scaturiranno conseguentemente.

Possiamo essere grati ai nostri sintomi, anche dolorosi e pesanti, per quanto vogliono dirci, per aiutarci a stare sempre meglio e a realizzare noi stessi. Abbiamo però bisogno di governarli anziché esserne gestiti.

Tuttavia ci sono metodi di indagine e cura psicologica che separano troppo di due momenti: la conoscenza di sè e le tecniche di  fronteggiamento e risoluzione.

E’ davvero tempo di riunire questa separazione metodologica fittizia, perché é chiaro a tutti – e quanto mai agli operatori della psiche – che nessuno dei due approcci è sufficiente da solo, ed è importante superare le false alternative per ricongiungere mente/psiche/corpo in un tutto unitario, come è in effetti nella realtà umana.

trilogia mentespiritocorpoNon possiamo trascurare le necessità del corpo, del cervello e della sua ragione, del sentire istintivo ed emozionale, della mente e della sua intuizione, e pretendere di stare bene. Forse un giorno ci saranno più esperti veramente olistici a sostenere i processi di guarigione necessariamente complessivi, per ora ciascuno ha bisogno di sapere che le sue varie parti interagiscono continuamente e vanno tutte considerate e tutelate.

Per orientarsi in questo universo interiore molteplice, possiamo utilizzare una chiave di lettura interessante, che  sinterizza conoscenze antiche e moderne molto utili.

Costituzione dell’uomo:

1. corpo fisico. L’insieme di tutte le parti tangibili e visibili, strumento meccanico della persona, atto a corpiesprimerla e renderla capace di interagire e di costruire concretamente.  Terra, sostanza. Verbo: percepire. Sistemi corporei.

2. corpo emotivo. L’aspetto emozionale, sede dei sentimenti e delle percezioni più sottili. Connette e mette in relazione a livello significativo le persone tra loro e con l’ambiente.  Acqua, sensazione. Verbo: sentire. Organo: Plesso solare (Pancia)

3. corpo mentale. Pensieri, ragione, attività cerebrale, capacità di astrazione e discriminazione. Senso di identità dell’Io. Aria, intelletto. Verbo: capire. Organo: Cervello.

4. mente intuitiva. Conoscenza diretta , percezione del vero e del bello. Capacità di empatia, di relazione profonda, di unione essenziale e comunione. Capacità di percepire la Realtà oltre l’apparenza, sia personale che universale, secondo il livello di coscienza del percepiente. Fuoco, insight (1) . Verbo: comprendere. Organo: Cuore.

Una prima considerazione possiamo farla sull’attribuzione degli organi corrispondenti. Pensiamo spesso al Cuore come sede delle emozioni e dei sentimenti. E in effetti il Cuore vibra e risponde a quegli elementi. Ma sempre più risulta chiara l’esistenza di un’intelligenza cardiaca  che comprende a livello superiore rispetto alla ragione, e sa avvalersi di informazioni provenienti da più parti, sintetizzandole e restituendole tramite scelte e azioni dettate da motivi superiori ad ogni ragione parziale. Per sua natura l’intelligenza del Cuore non è in antitesi con altri intuizionelivelli umani (corpo, emozioni, ragione, ecc….), anche se a volte può apparire in contrasto con la razionalità. Ma questo è dovuto a un uso improprio della ragione e non viceversa. (2)

E quindi. Tornando al governo di noi stessi e della nostra vita.
Occorre dare il governo a chi può governare efficacemente, orientando la mente a tale scopo. Dirigere la mente, il pensiero, non sarà sempre facile ma non è impossibile. “Dove va il tuo sguardo, lì tu vai”. “Dove è il tuo cuore lì e il tuo tesoro”. Impariamo a farci guidare dal Cuore, che non è il corpo emozionale. Non in alternativa agli altri corpi, per sua natura il Cuore è sintetico e onnicomprensivo. Prima, saperlo riconoscere (ci si deve lavorare….), poi metterlo in primo piano, alla guida (ci si deve esercitare….).

sguardoFacile, no. Ma semplice, sì. Così semplice che pare banale, è il farlo che non è automatico e va coltivato, senza sottovalutare la potenza della semplicità.

________________________

(1) insight: abbastanza intraducibile, si può intendere con l’esperienza di quei flash di certezza che si accompagnano a una sensazione di pienezza e di ampliamento. Stato di grazia, emozione superiore di gioia e di entusiasmo. Difficile definire l’insight senza diventare complicati, meglio richiamarlo alla mente tramite le sensazioni che lo accompagnano.

(2) per approfondire questo concetto si veda “La mente mentale” su questo blog

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.